The place to be…

Poi ci ritorno ogni tanto, qui. Mi nascondo tra le pieghe di carta riciclata e inchiostro blu, ma poi alla fine ritorno sempre qui. Così come ritorno di tanto in tanto al “mio” caffè, anche se mi fa molto nostalgica non abitare più a Via Giulia. Però ingoio il nodo in gola e ci ritorno. Mi siedo lì, sprofondando nella poltrona di velluto rosso con la solita … Continua a leggere

Corallo

Rosso corallo_così ho dipinto ieri sera le mie unghie, immersa nel silenzio di Roma e del Tevere, per aver bene in mente il senso della strada percorsa finora, finalmente… Letteralmente con le unghie mi sono arrampicata alla ricerca di una (nuova) vita, dimenticando e abbandonando per strada i battiti di cuore che  avrebbero potuto eventualmente farmi (molto) male, fidandomi delle lacrime … Continua a leggere

New

Un´agenda lilla dalle pagine bianche, che aspettano di essere scritte, scarabocchiate, appuntate e disegnate. Un anno appena nato, che pretende di essere vissuto ed amato come un bimbo. Delle ore, che tarderanno a venire nell´attesa di belle emozioni. Delle ciglia, che si schiuderanno lentamente sapendo che di fronte ad esse ci sei tu. Degli occhi, che piangeranno e rideranno, nella speranza … Continua a leggere

Sea all around…

Non ricordo molto, nè in maniera precisa… soltanto alcuni attimi forse, poi, del tutto immaginati…  Forse il tutto era troppo… o troppo poco…  Ma di te mi ricordo, mare, mentre tenendomi stretta rubavi i miei stanchi pensieri e li portavi a largo, per restituirmene di nuovi, immersi in profumi non ancora conosciuti dalla mia anima, in una sera di fine … Continua a leggere

Il dolore di adesso

Il dolore di adesso é un percorso obbligatorio, ma fa paura. È un sentiero nel quale, a mio parere, prima o poi bisogna imbattersi e decidere il meglio: non abbandonarlo ma percorrerlo, a piedi scalzi, avvertendo il fastidio di tutti i sassi, uno ad uno… Il dolore di adesso é come il ciottolo che si stacca dalla sicura roccia e rotola … Continua a leggere

it happens…

A volte vorrei capire realmente chi sei… ma penso che non mi sia dovuto, penso che non conosceró mai davvero chi tu sia. Te lo accennavo proprio ieri sera, mentre procedevamo per quella curva buia ed ancora un pó ghiacciata dai residui di una neve che si é arresa solo momentaneamente. “Succede.” mi hai risposto. E non so cosa voglia … Continua a leggere

Santa Claus

… I thought I heard Santa Claus crying… mi dice Karla, sostando incuriosita sulla porta del mio ufficio, mentre io cercavo di nascondere i resti della stagnola. Io, però, non lo sentivo piangere mentre gli staccavo la testa… Ho ammazzato Babbo Natale, l’ altro giorno e, insieme a lui, tutte le volte in cui da bambina ho detto fermamente di credere … Continua a leggere

ultimo giorno d´estate

Ho il sentore che sia quasi ridicolo scrivere, in inverno inoltrato, di sensazioni di un ultimo giorno d´estate, ma tant´é… Ricordo che indosssavo una camicia bianca e delle perle, che i miei riccioli erano colorati di sole e  la mia pelle era leggermente imbrunita, lo notasti subito. Io ero molto sorridente. Camminammo a lungo, chiacchierando… e sorridendo. Ricordo di quel … Continua a leggere

AbitoAfiori…

Ovviamente, per non farmi mancare niente, ho festeggiato (anche) la primavera che timidamente avanza, a giorni alterni,come le auto nel traffico di Milano, nei cieli di München… e, ovviamente, l´ho festeggiata a modo mio: comprandomi un vestito di seta blu a fiori in un grigio giorno di pioggia (era per propiziare l´arrivo della primavera e per usufruire del buono acquisti … Continua a leggere

Rouge

Mi sono svegliata ed il primo pensiero, mentre tentavo di riaprire gli occhi, non è stato “nutella”…il che è tutto dire! Le mie pantofoline di feltro rosa e viola mi hanno trascinata in cucina, dove le mie mani hanno azionato la macchina dell’espresso nuova di zecca; dopo 35 secondi si sono accese tutte le lucine, colorandosi di verde, e tac! … Continua a leggere